Gli spiriti non dimenticano


Di seguito alcuni brani del libro "GLI SPIRITI NON DIMENTICANO" di Vittorio Zucconi che ho trovato molto interessante.

Zucconi   con  il solito stile sagace e arguto, ci trascina dentro alla quotidianità degli indiani e ci aiuta a comprenderne la vera essenza.

Vi consiglio di leggerlo, anche per capire l'olocausto degli indiani d'America.

Spero vi piaccia!

 

download

Primo discorso di Cavallo Pazzo (1857)

Tre volte ormai ho visto all’opera il ladro insaziabile, l’Uomo Bianco, con i miei occhi. Da bambino lo vidi uccidere Orso Che Conquista, a tradimento, mentre lui voleva soltanto pace, per la stupida vacca del Mormone. Da ragazzo, lo vidi distruggere il villaggio di mio zio Coda Macchiata, e assassinare i Sicangu, i Brulè di mia madre, presso l’Acqua Azzurra.

Una luna addietro, lo ho visto inseguire i bambini degli Cheyenne con i lunghi coltelli e infilarli uno per uno.

Eppure tra noi c’è chi ancora tocca la penna dei bianchi, c’è chi crede alle parole che lui dice, chi è pronto a cedere la terra dei nostri antenati in cambio di una coperta e di una bottiglia di acqua che brucia.

L’Uomo Bianco è venuto per portarci via la terra sulla quale noi camminiamo. Non possiamo fare altro che batterci, per le nostre donne, per il nostro popolo, per noi, e non possiamo che batterci assieme.

Guardate che cosa è accaduto ai gloriosi Cheyenne.

Chi si batte da solo contro il Uas’ichu fa la fine del cervo che vuole attaccare il lupo.

Quattro sono le virtù che fanno di un uomo un Lakota degno del suo popolo e dei suoi antenati. La prima virtù è il coraggio. E’ meglio morire sul campo di battaglia che invecchiare da vigliacchi.

La seconda virtù è la forza di carattere. Tu devi sopportare il dolore, la fatica, la fame e la sete senza mai lamentarti e devi comportarti con i tuoi fratelli e sorelle Lakota come vorresti che loro si comportassero con te.

La terza virtù è la generosità. Nessun uomo deve mangiare un boccone se sa che i suoi fratelli hanno fame. L’ultimo pezzo non deve essere per te, ma per gli altri. Meglio privarsi del proprio cavallo, che vedere un fratello costretto a camminare a piedi.

La quarta virtù è la più difficile. E’ la saggezza. Saggezza vuol dire rinunciare al tuo piacere per il bene degli altri, vuol dire avere la forza di guidare, di essere d’esempio, di portare la pace dove c’è la rissa. Se saprai praticare queste virtù, lo Spirito ti concederà una visione, ti indicherà chi sei e qual è il tuo destino di uomo.

Paradiso in terra

Per voi bianchi e cristiani, la Terra è l’inferno, il luogo di esilio temporaneo nel quale il Grande Spirito vi ha confinato, cacciandovi dal paradiso terrestre, dunque un luogo da attraversare e cambiare, lungo la strada del ritorno all’Eden. Per noi indiani, la Terra è il paradiso, il luogo che lo Spirito ha creato e scelto appositamente per noi, e che non abbiamo dunque né il diritto, né la voglia di cambiare.

La resa di Nuvola Rossa (1869)

Fratelli della Grande Prateria, ora voi dovete ricominciare la vostra vita e dimenticare gli insegnamenti dei vostri padri. Per diventare come l’Uomo Bianco e per imparare a vivere nel suo mondo, dovrete imparare ad accumulare cibo e ricchezza solo per voi stessi, e dimenticare i poveri e gli altri uomini, che non sono fratelli, ma selvaggina da cacciare. Dovrete costruirvi una casa di legno e di pietra, e, quando la vostra casa sarà costruita, dovrete guardarvi intorno e cercare quale altra casa e quali ricchezze potrete portare via al vostro vicino.

Perché questa è la maniera dei bianchi e questo è il mondo nel quale il nostro popolo ora dovrà imparare a vivere e sopravvivere.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *