Che cavolo…


In questo periodo dell’anno, mentre i semi "lavorano" sotto terra, i nostri orti si riempiono di

verdure buonissime e salutari, Cavoli e Broccoli.

Sono alimenti molto importanti poiché, grazie al loro sapore caratteristico, le poche calorie e le molte proprietà, si prestano ad essere inseriti in molte ricette.

I cavoli appartengono alla famiglia delle crocifere, (il nome deriva dalle  foglie a forma di croce) varietà Brassica.

La parte commestibile di queste piante è rappresentata dalle foglie, come nel caso del cavolo cappuccio, della verza, del cavolo cinese e dei cavolini di Bruxelles, oppure dalle infiorescenze ancora immature come i broccoli, i broccoletti ed il cavolfiore.

Cavoli e broccoli sono tipici ortaggi invernali, stagione in cui la qualità è migliore e i prezzi  più bassi, tuttavia sono disponibili tutto l’anno.

Il cavolo contiene il 92 % di acqua  proteine, fibre alimentari, zuccheri( destrosio e fruttosio),

è ricco di minerali quali  fosforo, calcio, ferro, zolfo, potassio, rame, magnesio, sodio, manganese, fluoro, selenio e zinco e vitamine  ( A, B1, B2, B3, B5, B6, C, E, K e J).

Da sottolineare la presenza,in cavoli e broccoli, di antiossidanti.

Cavoli e broccoli hanno pochissime calorie e sono invece ricchi di fibre, le loro proprietà sazianti li rendono alimenti ideali nelle diete ipocaloriche.

I cavoli contengono una buona percentuale di vitamina C ( maggiore delle arance), secondo uno studio, chi consuma molti cibi ricchi di vitamina C, vitamina E e carotene, è meno esposto a malattie cardiovascolari, ictus e cataratta.

Per il loro contenuto di vitamina C e zolfo, cavolo e broccoli hanno la proprietà di eliminare i radicali liberi e l’acido urico dal corpo e portare benefici in caso di artrite, reumatismi e gotta.

La vitamina K ha la proprietà di aumentare la concentrazione e tutte le funzioni mentali, per questo i cavoli portano benefici nella prevenzione dell’ Alzheimer e dei danni al sistema nervoso.

Gran parte delle piante crocifere sono ricche di potassio che ha la proprietà di facilitare il flusso sanguigno mediante l’apertura dei vasi sanguigni, questo apporta benefici nella regolazione della pressione arteriosa.

Un’altra proprietà di cavoli e broccoli è quella anti ulcera, contengono infatti il grafanato che è una sostanza impiegata già da diversi anni nei medicinali per curare l’ulcera. 

Altrettanto significativa la sua alta percentuale di clorofilla, che aiuta l’organismo nella produzione di emoglobina.  

L’aspetto più importante di cavoli e broccoli è rappresentato dal fatto che un regolare consumo di questi vegetali, può dimezzare il rischio di sviluppare vari tipi di tumore ( dei polmoni e  colon) e, grazie al beta-carotene, ha effetti  preventivi nei confronti del tumore alla prostata.

I cavoli contengono un aminoacido chiamato glutammina la cui attività ha proprietà antinfiammatorie. Sono quindi efficaci nel contrastare i dolori articolari, febbre, irritazioni cutanee ed allergie.

Tutte le verdure appartenenti alla famiglia delle Crocifere sono una buona fonte di minerali. In particolar modo di calcio, magnesio e potassio, tre minerali molto importanti per la protezione delle ossa.

Vera e propria panacea, il succo di  cavolo crudo, magari mischiato a quello di carota con un po’ di limone, è un vero rinvigorente nelle situazioni di estremo affaticamento e di carenze vitaminiche.

Apporta benefici nelle situazioni di estremo nervosismo ed eccessiva irritabilità, utile per riequilibrare le condizioni della pelle e del cuoio capelluto, per liberare l’intestino da vermi o parassiti e in caso di asma e pertosse. Ovviamente il succo di cavolo e broccoli crudi possiede le stesse proprietà.

Il cavolo cotto, con l’acqua di cottura e un’eventuale aggiunta di miele, è molto utile contro gli abbassamenti di voce, il raffreddore, l’asma e la bronchite.

La sola acqua di cottura porta benefici in caso di diarrea e dissenteria, ma anche in caso di stitichezza.

In caso di sbronza, per alleviare gli effetti del “giorno dopo”, è consigliabile un brodo concentrato di cavolo, gli effetti sono garantiti.

Il cavolo ed i broccoli erano ben conosciuti fin dai tempi antichi.

In particolare il cavolo era sacro per i Greci ed i romani lo utilizzavano metodicamente per curare le più svariate malattie. Addirittura lo consumavano crudo prima dei banchetti per consentire all’organismo di assorbire meglio l’alcool.

Con il passare del tempo la diffusione di cavolo e broccoli sulle mense, grazie alle loro proprietà, non è mai venuta meno: per un lungo periodo di tempo sono stati considerati un cibo ideale per i giorni di magro.

L’aspetto negativo di cavoli e broccoli è rappresentato dal cattivo odore che emanano durante la cottura. Questo succede a causa dello zolfo in essi contenuto. Si può alleviare questo inconveniente spremendo un limone nell’acqua di cottura.

Il cavolo è considerato il cibo nazionale della Russia.

Siamo abituati a vedere i cavoli di colore bianco, ma esistono anche viola, arancioni e verdi.

I broccoli sono relativamente recenti. Sono stati creati in Italia da diversi tipi di cavolo e sono un esempio di come l’agricoltura selettiva è in grado di produrre un vegetale molto diverso da quello di origine.

I broccoli sono semplicemente grappoli verdi di fiori ancora chiusi. Quando i fiori si schiudono emanano un forte odore di zolfo.

Sarebbe opportuno, al di là di tutte le loro buone proprietà terapeutiche, incoraggiare il consumo di cavoli e broccoli fin dall’infanzia.

Questo eviterebbe l’insorgere di fastidiose intolleranze alimentari nell’età adulta.

Tutti gli ortaggi appartenenti alla famiglia delle crocifere interferiscono sull’assorbimento dello iodio, per questo motivo è sconsigliabile mangiare grandi quantità di cavoli e broccoli per chi soffre di problemi legati alla tiroide.

Fonte internet