Sporcarsi le mani


Oltre al progetto didattico dell’orto l’associazione prevede un progetto, complementare o in alternativa, di una esperienza  di manipolazione dei materiali offerti dalla natura per educare i bambini alla conoscenza, alla manualità e alla creatività.

                                                                    Il Progetto “Sporcarsi le mani”

 

 

 

IL DIRITTO DI SPORCARSI – “Non ti sporcare”, una frase tipica del genitore della società del benessere.

Noi riteniamo che i bimbi  abbiano il sacrosanto diritto di giocare con i materiali naturali quali la sabbia, la terra, l’erba, le foglie, i sassi, i rametti… Quanta gioia nel pastrocchiare con una pozzanghera o in un cumulo di sabbia. Proviamo ad osservare attentamente i  bimbi  durante i momenti di pausa da giochi organizzati oppure quando sono in un boschetto… e scopriremo con quanto interesse riescono a giocare per ore con le poche cose trovate in terra.

Il bambino vive nel momento presente, si gode il sole, la terra, i profumi della natura. Non pensa al passato, non pensa al futuro e qualsiasi cosa fa, la fa con totale trasporto, intensamente; tanto assorbito da dimenticare ogni altra cosa.

“Ci preoccupiamo di ciò che un bambino potrà diventare un domani, ma ci dimentichiamo che lui oggi è già qualcuno “                                                                                                                                                      Stacia Tauscher

Laboratorio delle magiche torte di fango

 Quanto è bello il fango! E’ dall’alba dei tempi che i bambini giocano con pozzanghere fangose sporcandosi in ogni dove. Terra, acqua e altri materiali naturali come pozzanghere, foglie, erba e fiori forniscono ai bambini occasioni di apprendimento e divertimento senza fine. Molti di noi sono attaccati ai ricordi di quando creavamo torte, scavavamo gallerie in cerca di vermi o facevano ruscelli e avvallamenti nel fango. Ma non era solo divertimento. I bambini traggono importanti benefici dal gioco sporco e caotico.

                                   “I fanciulli trovano tutto nel nulla, gli uomini il nulla nel tutto”  

                                                                                     Giacomo Leopardi

Benefici del giocare nel fango

Gli scienziati hanno confermato che i bambini possiedono una conoscenza istintiva; giocare nel fango è un’esperienza molto divertente. Recenti ricerche hanno dimostrato che giocare col fango può anche renderli più sani. La scienza ha evidenziato come il mondo “sterilizzato” di oggi stia contribuendo ad aumentare i livelli di allergie e asma nei bambini.

Giocare all’aperto serve a preparare il sistema immunitario dei bambini e a prevenire allergie.

Il fango è anche un ottimo strumento per l’apprendimento. Il ricco, coinvolgente gioco sensoriale a cui i bambini prendono parte mentre giocano con il fango consente loro di esprimere la loro creatività e accrescono le loro abilità motorie.

I bambini, lavorando insieme, sviluppano inoltre abilità di gruppo come la cooperazione e la negoziazione .

Durante l’esperienza vengono trasmesse le prime nozioni di matematica e scienza attraverso confronti diretti e tangibili, risolvono problemi, applicano teorie, misurano e contano gli ingredienti per le loro torte di fango.

 

Questo non è nient’altro che il processo scientifico in azione! Il fango è anche un fantastico strumento d’arte, è presente in abbondanza in natura, può essere facilmente modellato per creare tantissime sculture e reagisce differentemente rispetto alla sabbia o alla pasta da modellare. Questa “natura aperta” del fango incoraggia pertanto il pensiero creativo e permette ai bambini di esprimersi e creare liberamente senza paura o timore di sbagliare. Tutto ciò contribuisce anche a sviluppare la propria coscienza, aiutandolo a costruire un forte senso di consapevolezza interiore.

Tutti i bambini possono giocare col fango al proprio livello di sviluppo intellettivo e cognitivo. Il fango è un materiale altamente malleabile che incontra le diverse esigenze e i bisogni di bambini di età differente.

Quelli più giovani o con meno abilità possono focalizzarsi sull’esperienza sensoriale mentre i più grandi possono avere obiettivi più specifici, con il fango c’è sempre qualcosa di nuovo da scoprire per tutti e non esistono risposte sbagliate!

Giocare con il fango ispira i bambini a sentire un legame con la natura e sviluppa una migliore percezione dell’ambiente. Oggigiorno molti bambini hanno limitate opportunità per giocare all’aria aperta rendendo difficile occuparsi dell’ambiente circostante se non si hanno opportunità  frequenti  di  restare in contatto con la natura.

Dedicando più tempo alle attività in ambienti aperti unitamente alla possibilità di giocare “colorando” con le mani la terra, si contribuisce a sviluppare una maggior senso d’amore e responsabilità nei confronti della nostra Terra.

Infine, ma non meno importate, va considerato che il miglior beneficio del giocare con il fango deriva dai ricordi creati nei bambini stessi. Il gioco, il desiderio e la gioia associati alla manipolazione del fango sono infatti gli ingredienti con cui  si strutturano i ricordi dei bambini!

                                    “Tre cose ci sono rimaste del paradiso: le stelle, i fiori e i bambini “

                                                                                                Dante Alighieri

 

Programma standard:

9.00 Arrivo e presentazione dei collaboratori del piccolo Mondo Antico, pausa in gazebo con la propria merenda.

9.30 Passeggiata nel Piccolo Mondo Antico, riconoscimento dei fiori e delle piante dell’orto. Durante la passeggiata i bambini fanno “la spesa” e cercano gli ingredienti, assolutamente naturali, che saranno poi utilizzati per cucinare e decorare le torte di fango unitamente alla realizzazioni di diverse pozioni “magiche”!

10.30 Preparazione e allestimento della “cucina” e inizio attività creativa: impossibile resistere al fascino e alla necessità di imitare i gesti di mamma e papà, e cucinare: travasare acqua, petali, rametti, bacche, terra, sabbia, foglie, erbe profumate…

Un importante gioco simbolico per prendersi cura di sé e degli altri, una stimolazione di tutti i sensi grazie al contatto profondo con gli elementi della natura.

11.30/12.00 Riordino e preparazione per il pranzo al sacco

13.00 Giochiamo insieme “come una volta” attraverso l’esecuzione di antichi giochi di gruppo oramai quasi dimenticati che il Piccolo Mondo antico a sapientemente recuperato rendendoli fruibili alle varie fasce di età ed abilità motorie.

14.00 Saluto e rientro a scuola

Costo: 10 Euro / bambino

Consigliamo abbigliamento comodo e adeguato (stivali, pantaloni, eventuali giacche in caso di giornate uggiose)

 

Per scuole che hanno esigenze diverse abbiamo pensato ad un programma con orario ridotto:

 

Programma ridotto:

9.00 Arrivo e presentazione dei collaboratori del piccolo Mondo Antico, pausa in gazebo con la propria merenda.

9.30 Passeggiata nel Piccolo Mondo Antico, riconoscimento dei fiori e delle piante dell’orto. Durante la passeggiata i bambini fanno “la spesa” e cercano gli ingredienti, assolutamente naturali, che saranno poi utilizzati per cucinare e decorare le torte di fango unitamente alla realizzazioni di diverse pozioni “magiche”!

10.30 Preparazione e allestimento della “cucina” e inizio attività creativa: impossibile resistere al fascino e alla necessità di imitare i gesti di mamma e papà, e cucinare: travasare acqua, petali, rametti, bacche, terra, sabbia, foglie, erbe profumate…Un importante gioco simbolico per prendersi cura di sé e degli altri, una stimolazione di tutti i sensi grazie al contatto profondo con gli elementi della natura.

11.30/12.00 Saluto e rientro a scuola

Costo: 8 Euro / bambino

Consigliamo abbigliamento comodo e adeguato (stivali, pantaloni, eventuali giacche in caso di giornate uggiose).

Contatti:

Tel: 347 845 3075 (Antonella)

Mail: info@ortipiccolomondoantico.it